PERSONAGGI PRINCIPALI DEL LIBRO


GRIET:
Giovane ragazza quattordicenne che vive con la sua famiglia a Delft, in Olanda nel XVII secolo. Costretta ad andare a lavorare come servetta a casa di un famoso pittore per procurare qualche soldo alla famiglia. È timida, insicura , umile e responsabile. Ha capelli mori ondulati, che non vuole mostrare. Si concede ai desideri del giovane macellaio Pieter, pur avendo un attrazione verso il suo padrone Vermeer. Ha un rapporto amichevole con Tanneke, l’altra domestica, ma con Catharina, moglie del pittore, i rapporti rimangono sempre di scontro.

VERMEER:
Il celebre pittore, persona ricca e benestante, sposato con Catharina che gli dà 11 figli. Sceglie Griet come aiutante nel suo atelier, grazie alla sua precisione. La sua unica vera passione è la pittura. Dipinge la ragazza nonostante lei non voglia e la costringe a bucarsi l'orecchio. Matura un’attrazione nei confronti della bellezza e della determinazione della domestica, che però non può esternare a causa del suo matrimonio con Catharina.

CATHARINA:
Moglie di Vermeer, dal primo momento odia Griet perchè sente che suo marito ha un attrazione particolare per lei. Per questo motivo è molto rigorosa nei suoi confronti. Donna vanitosa e molto sicura di sé.

MARIA THINS:
Suocera di Vermeer e proprietaria della casa. Aiuta il genero e la domestica a completare il dipinto, consegnando alla ragazza gli orecchini di perla della figlia, all’insaputa di quest’ultima.

PIETER:
Il macellaio conosciuto da Griet quando inizia a lavorare per Vermeer, si innamora della ragazza e la vuole sua a tutti i costi, all’ inizio avrà una "relazione clandestina" con lei, ma finiranno per sposarsi.

Maryem e Federica