I CAFFÈ STORICI

 

In tutta la storia politica e letteraria dell'Italia i Caffè hanno avuto un ruolo molto importante nell'elaborazione di idee e nella nascita di movimenti artistico-letterari, soprattutto nell'arco di tempo che va dalla prima metà dell'Ottocento fino al secondo dopoguerra.

Trieste, come molte altre città italiane, ha anch'essa la sua importanza in questo campo e molti locali, ancora esistenti, sono stati scenari di cambiamenti che hanno segnato la storia del nostro Paese. Luoghi d'incontro molto importanti furono (e sono tuttora per manifestazioni di tipo culturali) il Caffè degli Specchi, il Caffè Tommaseo, il Caffè San Marco, il Caffè Pasticceria Pirona, dove irredentismo e letteratura si evolsero parallelamente, come nei casi di Svevo, degli Stuparich e di Slàtaper.

"Non c'è dubbio che gli scrittori triestini fossero gli interlocutori preziosi per gente o ignara o male informata. Né si può tacere il lavoro molto utile che questi giovani triestini […] hanno fatto per l'europeizzazione della cultura" scrive Carlo Bo in Antichi Caffè d'Italia, Edizioni Omega, Torino.

Infatti, proprio per la particolare storia e posizione della città, i Caffè di Trieste "mostrano più d'ogni altro i segni della cultura internazionale, più precisamente mitteleuropea", scrive ancora Carlo Bo.

 

CAFFE' TOMMASEO

Uno dei primi Caffè ad apparire in città fu nel 1825 il Caffè Tommaseo, in quella che allora si chiamava Piazza dei Negozianti. Il locale, che si affaccia sul mare, divenne subito polo di attrazione come punto d'incontro di uomini d'affari, politici e artisti e in seguito fu ribattezzato Tommaseo in onore dello scrittore dalmata.

L'interno ha un'ambientazione sofisticata ed elegante, decorata con strutture dai motivi classicheggianti e stucchi d'epoca, con un arredo originale ma sobrio e discreto. Di rilievo sono le specchiere belghe del 1830, le sedie in legno curvato stile "Thonet", i tavolini in marmo e ghisa e la pendola del 1839 su cui è inciso il nome del primo proprietario del locale, Tommaso Marcato.

 

CAFFE' SAN MARCO

Il Caffè San Marco, aperto per la prima volta nel 1914 e completamente distrutto durante la guerra, fu ricostruito subito, in quanto si dice che "distribuisse" passaporti falsi dopo la tragedia di Sarajevo.

Divenne col tempo il punto d'incontro di giovani letterati irredentisti, di lettori di quotidiani e di giocatori di biliardo. Oltre ai giornali ufficiali dell’Impero d'Austria si potevano trovare i fogli clandestini dei filoitaliani e i dispacci provenienti dall'estero. Qui la politica si univa al gioco del biliardo, degli scacchi e agli incontri tra intellettuali come Saba, Svevo e Giotti.

Ancora oggi, grazie a un restauro rispettoso che ha conservato le antiche strutture e arredi, mantiene la fisionomia originaria con l'interno che ha la tipica ambientazione dei Caffè viennesi. Molto interessante e caratteristica è l'insegna che rappresenta il Leone Alato, simbolo di Venezia, in stile liberty.

 

CAFFE' PASTICCERIA PIRONA

Questo locale venne aperto come luogo dove consumare velocemente i dolci triestini. Col passare degli anni, però, divenne un’istituzione di Trieste e oggi è uno dei locali più frequentati della città, grazie alla vendita dei dolci tipici.

In questo Caffè lo scrittore James Joyce, oltre ad assaporare dolci e vini, trovò il tempo per cominciare a scrivere il suo capolavoro, l’Ulisse.

 

CAFFE' DEGLI SPECCHI

Il Caffè degli Specchi, conosciuto come "il salotto di Trieste", prese il posto di una caffetteria gestita da un greco. Era il 1839 e da allora tanto il Caffè quanto lo storico edificio di Casa Stratti, che lo ospita, e la Piazza Grande, su cui si apre (oggi Piazza Unità d'Italia), hanno subito nel tempo numerosi restauri. L'ultimo e più importante fu quello del 1969 che diede al Caffè ed al palazzo l'aspetto attuale, totalmente aristocratico.

Anche ai giorni nostri, infatti, conserva gli arredamenti tipici del primo Novecento ed è sede di manifestazioni culturali ed artistiche, oltre ad essere un punto d'incontro per gli intellettuali triestini.

J.P.

TORNA SU

torna a menu