Rapporto tra il popolo e il governo


Contenuti:

Popolo e governo

I Greci furono i primi a riflettere ed a interrogarsi sui problemi sorti all' interno della città-stato e nello stesso tempo a scoprire il vero significato di democrazia, definendo la politica come l' arte di discutere in pubblico, e a stabilire le norme di vita comunitaria.
Fin dall' antichità il governo veniva affidato agli aristocratici e la maggioranza diffidava della capacità di gestione del popolo: lo stesso Aristotele scrisse che :"la reale differenza tra la democrazia e l' oligarchia è la povertà e la ricchezza. Dovunque gli uomini governano in ragione della ricchezza, siano pochi o molti, si ha un' oligarchia, e dove governano i poveri , si ha una democrazia.

Torna all'inizio

Il ruolo del demos

Il demos ateniese costituiva una minoranza, da cui erano esclusi gli schiavi, di contadini e mercanti per lo più semi-illetterati che era in grado di comprendere le proposte, ma non di verificarle. Gli uomini sono cooperativi, per natura, in quanto posseggono filia e dike due elementi su cui si fonda la comunità e in Atene il senso comunitario era ben sviluppato anche grazie alla religione, ai culti tradizionali, ai miti di un popolo unito e alla base c'era un forte autocontrollo per impedire il caos e il ritorno delle tirannidi.

I primi passi compiuti verso la realizzazione concreta della democrazia furono compiute da Solone e Clistene nellí utilizzazione della forma diretta, che comportava un controllo e un rapporto più stretto tra popolo e capi politici e nel dare a ogni singolo il diritto di partecipare all' assemblea.

Torna all'inizio