La rivoluzione politica in Atene



Contenuti:

La crisi del VI sec. a.C.

Si può ipotizzare che Atene nel suo processo di democratizzazione abbia preso spunto dal precedente impulso di Sparta; essa resta di fatto la prima città-stato con una costituzione definita e un sistema politico-sociale grazie alla legislazione di Licurgo di origini cretesi.Nel periodo di crisi del VI e VII sec. a.C. Atene non fondò nuove colonie nè leghe cittadine quindi il potere rimase nelle mani degli Eupatridi, che detenevano l'autorità nell'Aeropago.
L'Attica era una zona prevalentemente agricola, ma anche Atene entrò in contatto con la rivoluzione commerciale e ereditò da questa nuove culture che modificarono l' ordine di idee preesistente tanto da suscitare nel 630a.C. un primo tentativo di tirannide da parte di Cilone che occupò l'acropoli, ma decadde immediatamente perchè non era stato suscitato nessun malcontento dal demos.

Il primo passo verso la democratizzazione fu compiuto attraverso Dracone che mise per iscritto le leggi secondo il volere degli aristocratici, data la società arcaica esse furono rozze e severe, ma come inizio fu sufficiente la loro formulazione dato che per laloro esistenza potevano essere confutate e modificate.

Torna all'inizio

La democratizzazione

Durante il VII sec a.C: esistevano moltissimi hektemoroi(agricoltori legati al vincolo della terra tramite il signore di cui erano dipendenti) costituiti per lo più da debitori. Nella società arcaica i debiti andavano a pesare sulla libertà personale in quanto gli indebitati arrivavano al punto di vendere se stessi e per ciò divenire schiavi.Per porre fine a questa situazione disperata si pensò di affidare le eventuali riforme ad un legislatore ed arconte poichè era presente una sorta di indebitamento generale fin dal Medioevo ellenico.Di fatto la terra era considerata famigliare de il povero era legato alla terra quindi l'associazione di idee hektemoros = debitore era abbastanza spontanea anche perchè molti altri fattori negativi incisero sulla situazionr dei debitori: ci fu la crisi agraria nel VII sec a.C da cui provenirono povertà e schiavitù.
Torna all'inizio
Torna indietro