logo scuola scegli una sezione

Universitą della Terza Etą

Corso di Avvio all'uso del computer

prof. Giorgio Cogoni

 

(trascrizioni a cura  della Redazione sito Internet,  foto © G. Cogoni)

Nell'ambito delle attivitą intraprese per avviare all'uso del personal computer i partecipanti al corso, si č pensato ad alcuni esercizi di videoscrittura un po' fuori dalle modalitą tradizionali che in genere prevedono l'uso di schemi di lettere, testi vari ecc. Ci č sembrato, invece, pił utile, anche in forza di una attivitą che alcune classi della nostra scuola stanno conducendo, "sfruttare" le competenze linguistiche dei partecipanti al corso, "costringendoli" a riversare sul computer i loro ricordi a proposito di proverbi, detti, moti in lingua sarda, o comunque, nelle loro lingue materne. 

La piccola raccolta che č qui contenuta, credo possa venir utilizzata anche nell'ambito di attivitą degli alunni della scuola media  sempre alla ricerca di quelle conoscenze, tradizionalmente trasmesse dai loro nonni, ma oggi sempre pił difficili da rintracciare.

fare clic sul simbolo per ascoltare in lingua originale

Ricordati e trascritti dal sig. Pietro Lecca,
 letti dal sig. Cesare Scionis

Su soli ti sciutit , su bentu ti sonit  

Il sole ti tolga le polpe, il vento ti suoni (le tue ossa)

Su tiau fait befas de coixedda  

Il diavolo se la ride del demonio

S’arriccu prangit chi segat su piccu

Il ricco piange se rompe il piccone.

Is origas cantu prus funti longas o prus allonghiant, agiurant a cumprendi de prus

Uno che ha le orecchie lunghe o che si allungano capisce pił di un altro

 

Proverbi friulani
trascritti e letti dalla sig.ra Filomena Ulleri

Fintant che osoi sot le lune, oimpari simpri une.

Finché sono sotto la luna, ne imparo sempre una.

A lą cul ciuet, s’impare a ciuetą .

Ad andare con lo zoppo, s’impara a zoppicare.

Cuiet cuiet, al rive sot tet.

Calmo calmo, arriva sotto il tetto.

Bes e fan bes, nuie e fas nuie.

Soldi fan soldi, niente fa niente.

No ič sabide cence soreli, no ič femine cence amor.

Non c’č sabato senza sole, non c’č donna senza amore.

Ulif bagnat, Pasche sul prat. 
Ulif sot, Pasche temp brut.  

Ulivo bagnato (Domenica delle Palme piovosa), Pasqua sul prato
Ulivo asciutto, Pasqua tempo brutto. 

Brut in fase biel in place.
biel in fase brut in place.  

Brutto in fasce bello in piazza (da giovane),
bello in fasce brutto in piazza.

Chei che son di lą de aghe, e chiacarin cun l'e.
Chei che son di cą, e chiacarin cun l'a.

Chi vive di lą dal fiume, parla con la e (finale).
Chi vive di qua (dal fiume),parla con la a.

 

 

Proverbi siciliani
trascritti e letti dalla prof.ssa Graziella Formica

A iatta prisciarola fa i figghi orbi.

La gatta per troppa fretta fa i figli orbi.

Megghiu oggi l’ovu ca dumani a iaddina.

Meglio oggi l’uovo, che domani la gallina.

Tra muggheri e maritu non ci mettiri mancu un gnitu.

Tra moglie e marito non ci mettere neanche un dito.

Ogni niuru scarbuggheddu a so matri ci pari beddu.

Ogni nero scarafaggio a sua madre gli sembra bello.

 Cu pratica cu cippichi all’annu cippichia.

Chi pratica con lo zoppo, all’anno zoppica.

Proverbi e detti sardi
trascritti e letti dalla sig.ra M. Mercedes Serreli

S’ogu de su meri ingrassat su cuaddu.

L’occhio del padrone ingrassa il cavallo.

S’aqua de abrili balit prus de su cocciu di oru de su rei Davidi.

L’acqua di aprile vale pił del cocchio d’oro del re Davide.

Settimesu pappa piseddu. 

Settimese mangia cicerchie.

Sinniesu pappa prodda.

Sinnaese mangia “prodda”. (sorta di )

Quartesu pappa canis.

Quartese mangia cani.

Maresu budduru. 

Marese grasso.

A cuaddu becciu funi noa.

A cavallo vecchio fune nuova.

Beni beniu nennu miu piga su scannu e sezidģ, pustis  chi accabu sa cannugada  si croccaus a s’imprassada (su sonnu).

Benvenuto tesoro mio prendi lo scranno e siediti, non appena finisco la canocchia ci addormentiamo abbracciati (il sonno).

A cuaddeddu a Santu Brai e cand'heus' arribai andaus a domu de gopai Nigola ca si 'onarat unu pegus de mola e ita 'nd 'heus a fai a cuaddeddu a Santu Brai.

A cavallino a San Biagio e, una volta arrivati,  andremo da compare  Nicola che ci darą un asinello ma non so che uso ne faremo, a cavallino a San Biagio.

Mudau su fruconi parit  unu baroni.

Agghindato il forcone sembra un barone.

No inci hat perda chi no sezzat a muru.

Non esiste pietra  che non si possa  adattare ad un muro.

 

Proverbi sardi
trascritti e letti dalla sig.ra  Masella Cocco 

 

A cuaddu friau sa sedda di pizziara .

Al cavallo ferito la sella lo infastidisce.

 Arriu sudru acqua mera. 

Fiume silenzioso molta acqua.

 Candu sarriu non si intendi mera oli nai ca doiari acqua mera certu ca ocanu sarriu non d’eppiressiri mera silenziosu poita no ari propiu nuda e is arriusu depintessi a su siccu tottu 

 Deu sindi campiri de su pulixi risuscitau.

Dio ci scampi dalla pulce risuscitata.

 Candu s’omini si scaresciri de sa poporesa chi ari passau in sa famiglia chi dari cresciu  e amau e unota amanniau sesti arricchiu e si scaresciri e non cumprendiri un’atru chi in cussu momentu e passendi su chi ari passau issu de pitticchedu e de sa richesa sin di fairi unu vantu seu cunvinta ca de sa vira no ari cumprendiu propriu nuda e nanta i becciusu ca no ara cumprendi mai nuda in sa vida sua

Chini si crocara   cun is canis prenu de pulisci sindi pesara.

Fruconi bistiu pariri unu baroni.

Bastone vestito sembra un barone.

 

 

Proverbi sardi
trascritti e letti dalla sig.ra 
Zelinda Punzi

Baliri prusu oi sou che sapudda crasi.

Vale piu oggi l’uovo che la gallina domani.

 Arriu sudru acqua mera

Ruscello sordo molta acqua

 Quaddu friau sa sedda sitimiri.

 Il cavallo ferito ha paura della sella 

Si bolu cantai unu mutetu intitolau asu piciochu miu ddi nanta spigna e papa mancai no potidi giacca du pigu a geniu mio trallalera lairella.

Se voglio cantare una canzone al mio ragazzo si chiama spenna e mangia anche se non ha la giacca lo prendo a mia simpatia.

Santu Antiogu passami in seca e faimi s’ogu.

Sant'Antioco passa davanti alla porta e fammi l'occhiolino.

 Chini seziri in cuaddu allenu di calara candu no boliri.

 Chi monta sul cavallo altrui scende quando non vuole.

A Anna cumpangia mia de vida e mulleri passienziosa, regordendi is annus nodius nostrus de gioventudi.

Ad Anna compagna mia di vita e moglie paziente, ricordando gli anni pił belli della nostra gioventł.

 

 

segue alla pagina successiva >>

vai alla pagina precedente vai alla home page vai alla pagina successiva
Scuola Media Statale "L. Amat" (c)1998 Sinnai (CA)
web-apprentice: G. Cogoni