Materiali utilizzati
Home Su Alcuni racconti

 

 

 

 

Home
Su

foto1.JPG (28360 byte)
Il lavoro della produzione dei cestini in una foto d’epoca

Il giunco una pianta di palude, che cresce in campagna e nelle zone umide, la sua caratteristica il fusto flessibile.

Si taglia quando ancora verde ma si utilizza solo quando diventa bianco cio dopo l’essiccazione al sole.

foto9.jpg (196956 byte)

Una volta seccato si mette a bagno nell’acqua, si pulisce lo stelo e si tagliano le fibre in fili, pi o meno sottili secondo l’uso, della forma e del tipo di cestino che si vuol confezionare.

Il fieno che si utilizzava per la lavorazione dei cestini era tagliato con la falce dai braccianti che mietevano il grano. Una volta finita la mietitura alcune donne dette "spigolatrici" andavano a raccoglierlo per fare i cestini.

Ancora oggi il fieno che va utilizzato per confezionare i cestini va tagliato stelo per stelo, o con le mani o con la falce (e non con la mietitrebbia), per evitare che si rovini. Anche dal fieno devono essere separate le fibre dal resto dello stelo, che sar buttato via.

"Su scrallattu": sono delle striscioline di panno e sono usate per creare i disegni tipici caratteristici dei cestini, intrecciandole assieme al giunco e al fieno.

"Sa fetta": sono strisce di panno, rosso o nero, tagliate grossolanamente e servono per creare dei fiocchetti tutto intorno al bordo del cestino.

Il broccato: utilizzato per fare la parte centrale del cestino che detta "s’impanna" e serve per coprire il foro iniziale che si forma con la creazione della spirale durante il lavoro di cucitura.

Il broccato un particolare tessuto di alto valore ed decorato con dei disegni rilevati sul fondo.

In assenza del broccato era utilizzato il broccatello. Il broccatello un tessuto simile al broccato ma, anche se poco, di minor valore; un’altra differenza costituita dal disegno: infatti, pi povero, il classico motivo floreale pi piccolo e, soprattutto, fa meno figura.

Il broccato e il broccatello sembrano fatti di seta ricamata con dei fili colorati e dei fili d’oro e argento.

Il motivo del broccato , in genere, sempre lo stesso (tipicamente a fiori), ma il colore dello sfondo pu variare; tra i colori principali e i pi comuni ricordiamo: quello rosso, quello bianco, quello nero, quello verde e quello viola.

Il broccato con il motivo floreale lo stesso usato per confezionare gli abiti tradizionali sardi di Sinnai. E’ usato per confezionare il bordo inferiore di "sa gunnedda" (la gonna) e per fare "su deventalli" (il grembiule), che era indossato sopra la gonnella.

vai all'indice principale
home page della scuola