Progetto per l’integrazione degli alunni in situazione di handicap
"Laboratorio per la costruzione e l’uso "de su solittu de canna"

  Gruppo1ovale.jpg (33075 byte)

Il presente progetto è il proseguimento naturale ed armonico che la Scuola Media di Sinnai sta portando avanti sul tema dell’integrazione degli allievi portatori di handicap, integrazione che poi dà valore a momenti e capacità anche di carattere non strettamente scolastico e adegua la Scuola alla persona di ciascun alunno nella sua globalità e nelle sue relazioni molteplici con l’ambiente di vita che troppo spesso rimangono nascosti o, addirittura, fuori dalla Scuola medesima.

Questo progetto presuppone la necessità di rimuovere tutte le strutture rigide e gli strumenti operativi che fanno da barriera ad uno sviluppo e a una crescita quanto più possibile autonoma degli allievi in situazioni di handicap in modo che, l’uso della tradizionale aula e delle lezioni libere all’aperto, limitino al massimo i condizionamenti e la dipendenza.

I soggetti interessati sono gli allievi in situazioni di handicap che frequentano le nostre due sedi della Scuola Media Luigi Amat più due loro compagni che ciascun Consiglio di Classe riterrà essere i più adatti a svolgere il ruolo di tutor, complessivamente trentasei allievi.

Si presuppone un lavoro a classi aperte che i Consigli di Classe interessati hanno accettato di fare. (1a e 3 a D, 1 a e 2 a F, 1 a e 3 a I, 1 a L, 1 a 2 a e 3 a M, 3 a E)

Finalità educative del progetto:

  1. favorire l’integrazione fra gruppi di allievi nel rispetto reciproco facendo acquisire maggior sicurezza agli allievi più timidi e maggior autocontrollo ai più turbolenti;
  2. maturare la capacità di autonomia operativa intesa come capacità orientativa e autovalutativa;
  3. migliorare la conoscenza di sé in rapporto agli altri e sviluppare il gusto estetico;
  4. sviluppare le proprie potenzialità.

Obiettivi didattici:

  1. recuperare le abilità di base dei ragazzi in difficoltà;
  2. consentire processi di apprendimento diversificati anche mediante strumenti e linguaggi alternativi;
  3. sviluppare la manualità e la creatività;
  4. far acquisire dei contenuti e far apprendere dei ruoli sociali.

Contenuti:

Gli alunni dovranno costruire "su solittu de canna" quindi dovranno fare ricerca per conoscere l’origine dello strumento e il suo uso nel passato e nel presente. Dovranno conoscere la procedura della produzione e saperlo costruire da soli e, per ultimo, saperlo suonare per fare ascoltare ai compagni, che non hanno partecipato al progetto, i motivi musicali preparati.

sulittu_guateddu.jpg (15761 byte)

La rappresentazione avverrà a fine anno, come saggio finale del lavoro, nell’aula magna della Scuola dove è stato recentemente realizzato il palcoscenico.

Su "solittu de canna" dovrà essere anche personalizzato con disegni eseguiti col pirografo, dando sfogo alla propria fantasia e creatività.

E’ prevista la costruzione anche della scatola-custodia che lo conterrà, preparata con fogli di sughero.

Tempi:

due ore ogni 15 giorni per un totale di 30 ore complessive a partire da novembre.

Verifiche:

Le verifiche saranno fatte in itinere, ai ragazzi che oggettivamente trovano difficoltà nel lavoro o non capiscono bene le consegne, sarà dato più tempo per l’esecuzione del compito o potranno ricominciare daccapo finché non si sentiranno in grado di eseguire anch’essi il lavoro.

Itinerario operativo:

E’ stato contattato in qualità di esperto per realizzare il progetto, il Signor Efisio Farris di Soleminis, cultore di tradizioni sarde e abile costruttore di "solittus". Il Signor Farris presta la sua opera come volontario nella Comunità di Soleminis e lavora molto volentieri nelle Scuole dell'hinterland cagliaritano insegnando agli alunni l’arte di costruire sia i "solittus" che "is scatteddus" oltre che insegnare gli svariati modi di coltivazione delle piante officinali e dei fiori.

La nostra Scuola ha apprezzato il suo valore lo scorso anno in occasione del progetto "Soleminis".

Il Signor Farris terrà lezioni fuori dalla Scuola, accompagnando i ragazzi a conoscere e tagliare le canne "giuste" e dentro la Scuola, utilizzando come spazio il laboratorio di ceramica o la palestra di psicomotricità, ambienti che possono accogliere l’intero gruppo, quando lo riterrà opportuno. Sarà affiancato dai docenti di sostegno Angela Meloni, Donatella Guidetti, Lucia Corgiolu, Alessandra Ardau e Massimo Cantucci.

Preventivo di spesa:

Spesa per l’esperto (30.000 x 30 h) £. 900.000

Acquisto coltellini " 100.000

Acquisto pirografi " 200.000

Acquisto sughero e colla " 200.000

Totale £. 1.400.000

 

Sinnai, 21.09.1999

Gli Insegnanti