scegli una sezione

WB01842_1.GIF (6743 byte)
a. scol. 1999/2000
per la scheda riassuntiva vai al POF
vai il progetto completo


(trascrizioni e scelta dal progetto completo a cura  della Redazione sito Internet, foto di A. Meloni)


ippoterapia7.jpg (19892 byte)

Da ormai lungo tempo è riconosciuto agli animali un potere "terapeutico". Il cavallo in particolare è stato usato, fin dall’antichità, per curare gravi patologie soprattutto di carattere motorio.

ippoterapia4.jpg (19860 byte)

L’essere a contatto con un animale, per sua natura imprevedibile e che reagisce soprattutto ai segnali inconsci di chi lo sta guidando, stimola una serie di attività intellettive come concentrazione, memoria, stabilità emotiva, tranquillità e fermezza di carattere;

 

ippoterapia1.jpg (19125 byte)

La cura del cavallo dopo la seduta, parte integrante dell’ippoterapia, migliora la coordinazione delle mani e delle braccia e permette ai ragazzi, tramite un costante rapporto con l’animale di appropriarsi anche del proprio schema corporeo.

 

ippoterapia5.jpg (26704 byte)

Al di là dei risultati più o meno misurabili relativi al programma di potenziamento cognitivo, di sviluppo psicomotorio, di maggior controllo delle emozioni e di armonia relazionale, il successo più importante è il vivere un’esperienza di autonomia.

 

ippoterapia6.jpg (17775 byte)

Con l’ippoterapia si riesce ad ottenere una partecipazione "attiva" del ragazzo che acquisendo la capacità di dirigere il cavallo, diventa protagonista del rapporto che riesce ad instaurare con l’animale: fiducia, cura, amore, rispetto.

 

ippoterapia2.jpg (17042 byte)

Obiettivi del progetto:

  • miglioramento dell’autonomia personale.
  • miglioramento della sensibilità personale.
  • miglioramento dell’autostima.
  • miglioramento delle capacità coordinative.
  • miglioramento della capacità di rilassamento.
  • miglioramento delle capacità attentive e di concentrazione.
 

 

fre-sin.gif (1134 byte) vai alla home page
Scuola Media Statale "L. Amat" © 1998 Sinnai (CA)
web-apprentice: G. Cogoni
body> ody>