IL BRACCIALETTO
PORTAFORTUNA

braccial-1.JPG (57286 byte)

 

Rovistando fra le vecchie cose, per cercare un abito da usare per vestirmi a maschera, spostai una scatoletta di legno; era consumata dal tempo, si stacco' il coperchio e il contenuto si rovescio'.

C'era dentro un braccialetto, uno di quelli senza valore, ma a me era molto caro.. ricordavo che mi era stato regalato da una vecchia signora che passava agli occhi di tutti, come una pazza. L'avevo incontrata quindici anni prima, mentre ero in vacanza.

Ricordo bene come andò: ero andata con due amiche a fare compere, in un paesino vicino alla località dove ero in villeggiatura e le due mie amiche entrarono dentro l'ennesimo negozio.

Io ero stanca di entrare e uscire dai negozi, quindi decisi di aspettarle davanti al negozio seduta su una panchina.

Nel mentre che aspettavo, vidi tra la folla la famosa signora, che chiedeva alla gente l'elemosina. Diceva a tutti che aveva

bisogno di almeno qualche spicciolo per riuscire a sfamarsi. Nessuno che si fermava ad aiutarla, nessuno che le dava del denaro.

Tutte le persone, egoiste, le passavano vicino e non la degnavano nemmeno di uno sguardo.

Io ero incuriosita da questa signora, che poteva essere benissimo un qualsiasi accattone, ma ai miei occhi appariva diversa da tutte le altre, era misteriosa.

Fermai un ragazzo che passava proprio in quel momento davanti a me e gli chiesi qualche informazione sulla vecchia signora, mi rispose subito sgarbatamente, dicendomi di lasciarla perdere perché era solo una povera pazza.

Io non mi feci certo intimorire da quel ragazzo antipatico e mi avvicinai senza timore alla signora. Portai subito fuori dal portafoglio 5000 lire e gliele detti.

Certo non erano niente 5000 lire, ma almeno si poteva comprare qualche cosa da mangiare. Subito lei, per ringraziarmi, mi regalò il braccialetto, dicendomi che non aveva importanza tenerlo legato al polso o no e che mi avrebbe portato fortuna in qualunque modo io ne facessi uso. Io la ringraziai e raggiunsi le mie amiche dentro il negozio.

In quel momento non feci caso al braccialetto e alla fortuna che mi aveva augurato la simpatica signora. Pensai che il braccialetto e la fortuna li dava e augurava a tutti.

Solo adesso, dopo aver ritrovato il braccialetto mi accorgo che la vecchia signora, il suo braccialetto e la fortuna che mi aveva augurato mi avevano portato veramente ad essere felice.

Sara Serreli

Torna all'indice

 

CHI SONO?

s_serrel.jpg (19829 byte)

Mi chiamo Sara Serreli e sono una ragazzina di circa 14 anni.
Frequento la Terza media nella scuola centrale di Sinnai.
Sarò sincera, non mi piace studiare, preferisco fare altre centomila cose... Come ad esempio praticare attività sportive, ad esempio la pallavolo e il calcetto!
Fisicamente sembro più grande della mia attuale età, infatti sono abbastanza alta e un po' robusta.
Ho molti amici, quasi tutti più grandi di me, anche se solo di un anno. Gli amici della mia età sono solo i miei compagni, o comunque coloro che vedo a scuola. Credo di essere abbastanza simpatica e mi reputo una persona altruista in quanto penso molto agli altri.
Mi piace moltissimo l'estate che e', a mio parere, il periodo più bello e più felice dell'anno.

Torna all'indice