33

GiornAmat

La rivolta degli insetti

Di Simone Asuni 2° G



In una bella giornata di Marzo, Lorenzo così si chiamava un ragazzo appassionato di formiche, babballotti, scarafaggi, babbioccedda, scarabei, cavallette, grilli, api, vespe, calabroni, , quindi un vero e proprio amante di insetti, decise di mettere ordine alla sua collezione.

Lorenzo ne conservava uno di ogni specie, li teneva tutti in cantina, né il padre né la madre sapevano di questa sua collezione animalesca.

A volte quando non sapeva cosa fare usciva di casa è andava a cercare un altro uguale di ogni specie per vedere le differenze.

Una bellissima notte stellata Lori era già addormentato nel suo letto, sognò un

Disegno di Roberto Zucca

mondo dominato da insetti di ogni tipo e lui ne era capo, però un giorno arrivarono 2 uomini vestiti di verde e nella schiena avevano il disegno di una termite con la pancia bucata da dell'acido solforico verde.

Lorenzo si svegliò di soprassalto ricoperto di sudore, tanto che si dovette cambiare i vestiti bagnati. Quando si vide allo spec

chio si disse che aveva perso un bel po' di kg.

Prima di rinfilarsi sotto le coperte pensò subito agli insetti e andò a vedere.

In quel periodo il padre stava concludendo un lavoro proprio con dell'acido solforico e proprio in cantina e quindi aveva paura che potesse vedere gli insetti.

Arrivato in cantina, si nascose dietro un muro e vide il padre proprio lì davanti a delle ampolle di vetro piene di liquido corrosivo e al suo fianco c'erano barattoli con il segno del teschio quindi della MORTE.

Però successe una cosa molto spiacevole: tutti gli insetti volanti erano scappati, Lory non sapeva come, ma non c'erano più, si sporse con il rischio di farsi vedere dal padre e vide l'ape,  la vespa e il calabrone per terra senza pungiglione perché lo avevano inserito nei barattoli che adesso perdevano l'acido; il padre non se ne era ancora accorto.

Siccome mio padre aveva 2 camion e 1 macchina, teneva alcuni bidoni di ben

Indice   Indice sezione

dy>