GiornaAmat

Lettere ai parenti delle vittime delle Twin Towers


Care persone,

Sono un'Italiana che, come tutti nel mondo, ha sentito parlare della tragedia delle Torri Gemelle e del Pentagono. So anche che un vostro famigliare è stato coinvolto in questo terribile gesto.
Mi e per ciò che è successo, per l'orgoglio ferito degli Americani e soprattutto degli statunitensi che vivevano lì; mi dispiace per la sicurezza e la tranquillità che sono state danneggiate a tal punto; ma  più di ogni altra cosa mi dispiace per il dolore che questo atto ha causato in tante famiglie come la vostra: So comunque che non posso essere triste come lo siete voi, io non ho perso nessuno dei miei cari, ma sono comunque indignata per ciò che è successo. Vi prego però di non tramutare lo sconforto ed il dolore in odio e violenza, cercate di ragionare e di non passare dalla parte del torto; cercate di recuperare la serenità, perché sono sicura che i responsabili saranno puniti. Non bisogna però farsi prendere dalla fretta,bisogna valutare tutti i particolari, per essere certi di punire le persone giuste e di non lasciarne nessuna impunita.
Riesco a capire cosa voi penserete ora, tutte le motivazioni del mondo non riuscirebbero a giustificare gli attentatori, i quali hanno compiuto un gesto crudele e spietato contro gli Stati Uniti, con il quale hanno fatto migliaia di vittime negli aerei, nelle torri gemelle e nel pentagono. Con questo gesto non hanno ucciso solo queste persone, ma tutte le persone nel mondo, anche se non fisicamente. Ora tutti ci sentiamo piccoli ed indifesi, ma non bisogna lasciarsi andare ad atti insensati, non bisogna abbandonarsi, lo ripeto perché non perdiate la

Indice

Segue pag. successiva