Le donne nel calcio

Netthie Honeyball fu la figura dominante del calcio femminile vittoriano. Riteneva che le donne dovessero avere la possibilità di praticare sport fisicamente impegnativi. Nel 1985 fonda il “Britsh Landies football Club “di Londra.

Il 23 marzo 1895, a Londra si gioca la prima partita tra donne che si ricordi: Inghilterra del Nord - Inghilterra del Sud, finita 7 a 1. Alla partita assistette una discreta folla.

Nei confronti del calcio femminile esistevano molti pregiudizi, spesso veniva criticato dai giornalisti, nei quotidiani dell’epoca.

Le giocatrici di calcio nel XIX secolo usavano scarpe comuni per giocare come i giocatori. Si trattava di scarpe pesanti che bloccavano la caviglia.

Ottobre 1917: alcune operaie della Dick, Kerr and Co. Ltd, una fabbrica di accessori ferroviari di Preston,  fondano la squadra delle Dick, Kerr Ladies, e iniziano a giocare partite di beneficenza contro le squadre femminili che nascono per l’occasione.

Spianarono la strada per la crescita del football femminile negli anni ’20.

Indossano le divise della squadra  maschile, compresi i calzoncini!

1919: in Francia viene organizzato un campionato nazionale dalla Federazione des Societes Feminines Sportives de France.

29 aprile 1920: Partita internazionale a Monchester fra le Dick, Kerr Ladies contro una rappresentativa francese.

1921: in Inghilterra ci sono 150 squadre femminili.

5 dicembre1921: la football Association bandisce il calcio  femminile ritenendo il calcio inadeguato alle donne, ma come risposta nel dicembre 1921 nasce la Ladies Football Association  con 60 squadre .

1930: prime notizie relative al calcio femminile italiano.

A Milano viene fondato il gruppo femminile calcistico. Le calciatrici italiane giocano indossando gonne. Da questo momento lentamente, tra alterne vicende, il calcio femminile si afferma in Europa ed nel mondo.

 

Tra i fatti principali ricordiamo:

1946: A Trieste nascono la Triestina e le Ragazze di San Giusto,

1950: la baronessa napoletana Angela Altini di Torrealbo fonda l’Associazione Italiana Calcio Femminile. Nascono diverse società: Napoli, Vomerese, Secondigliano, Roma e Lazio.

1955:Si forma una federazione femminile anche in Olanda, analogamente a quanto è successo anni prima in Inghilterra, la federazione maschile invita a non concedere i campi di gioco alle donne. Anche in Germania succede lo stesso.

1968 A Viareggio nasce la Federazione italiana Calcio Femminile

   ( FICF)

1969. La  FICF organizza una Coppa Europa. Partecipano:Italia, Francia, Danimarca, Inghilterra. In finale l’Italia batte la Danimarca per 3-1.

1971: Seconda Coppa del Mondo in Messico, questa volta vince la Danimarca.

1975: Si disputa la Coppa Asia vinta dalla Nuova Zelanda.

1981: L’Italia vince il “mundialito” che viene disputato in Giappone

1984: Si gioca il primo campionato europeo ufficiale (organizzato dall’UEFA). Vince La Svezia ai rigori sull’Inghilterra.

1988:Primo torneo globale in Cina: un vero e proprio campionato mondiale che sarà vinto dalla Norvegia.

1989: A Seattle viene fondata la Women’s Soccer Foundation.

1991: In Cina si disputa il primo campionato del mondo ufficiale (organizzato dalla Fifa). Vincono gli USA.

1992: In Italia si disputa il primo torneo giovanile nazionale FIGC.

1996: Il calcio femminile  per la prima volta è nel programma delle Olimpiadi di Atlanta.

1999:I mondiali disputati in America hanno grande risalto in tutto il mondo e fino in Italia.

2000: Per la nazionale Italiana viene creata una maglia specificamente femminile, la Kombat Woman.

2001:Negli USA parte la WUSA, il campionato professionistico americano, con le migliori giocatrici del mondo.

Susanna, Claudia e Arianna.

Le Dick, Kerr Ladies