Presentazione | Sinnai tra il 1800 e il 1850 | Il monte granatico | Strozzini a Sinnai | Lavorazione tradizionale del formaggio  | Lavorazione industriale del formaggio  | Pane e cestini | Prete Contu e le cavallette | L'invasione delle cornacchie | Pedru Murru e su sturru

Ogni mattina il camion da raccolta passa dai pastori e raccoglie il latte nella cisterna. Il latte raccolto viene scaricato con le pompe nella "vasca di ricevimento" e analizzato. In seguito passa in una macchina (pastorizzatore) dove c'è il vapore che serve per eliminare i microbi. Successivamente il latte passa in "recipienti polivalenti" dove si aggiungono i "fermenti liofilizzati" (per far diventare il latte acido) e "il caglio" (che può essere liquido o in polvere), il latte così diventa solido.

Si fa, poi, il "taglio", cioè si separa la "cagliata" (parte solida) dal "siero " (parte liquida)

Lavorazione industriale del formaggio

La cagliata viene scaricata e sminuzzata nella "stampiera"; dopo viene messa nei cestini, lavorata e rivoltata manualmente ogni ora per ottenere le forme di formaggio. Il formaggio ottenuto viene messo in "salamoia" per conservarlo bene. Dopo, i formaggi, vengono portati nelle celle di raffreddamento e si fanno dei trattamenti con prodotti anti-muffa.

dy>