Presentazione | Sinnai tra il 1800 e il 1850 | Il monte granatico | Strozzini a Sinnai | Lavorazione tradizionale del formaggio  | Lavorazione industriale del formaggio  | Pane e cestini | Prete Contu e le cavallette | L'invasione delle cornacchie | Pedru Murru e su sturru

Il pastore munge le pecore e le capre e raccoglie il latte in recipienti chiamati "launi". Il latte viene versato in bidoni e trasportato a casa.

Lavorazione tradizionale del formaggio

Viene messo in grandi recipienti chiamati "caddasciusu", e gli si aggiunge il caglio (stomaco del capretto o dell'agnello) che lo fa diventare denso.

Il latte cagliato viene poi mescolato con un attrezzo il legno chiamato "rompi cagliata" e messo in cestini chiamati "disquas".

Si ottiene così il formaggio che dopo aver scolato  nei cestini viene cosparso di sale tutto attorno e rigirato per due giorni. Dopo essere stato salato viene messo a stagionare.

La ricotta, invece, si ottiene dal siero (liquido che rimane dopo aver fatto il formaggio).

Il siero viene riscaldato e girato continuamente con un mestolo di legno. Quando la ricotta è pronta viene messa in cestini e si può consumare fresca oppure stagionata.

dy>