Presentazione | Sinnai tra il 1800 e il 1850 | Il monte granatico | Strozzini a Sinnai | Lavorazione tradizionale del formaggio  | Lavorazione industriale del formaggio  | Pane e cestini | Prete Contu e le cavallette | L'invasione delle cornacchie | Pedru Murru e su sturru

  • De su Pdru Mrru, amgu de sa Krsia e kumndu a su strru de no si papp sa xerscia.


  • Du su su strru, nemgu de sa Krsia, mi'n d'infiskiu de Pdru Mrru

    e mi pppu sa xerescia.

[Trad.: Io sono Pietro Murru amico della Chiesa e comando al tordo di non mangiarsi le ciliegie.

Io sono il tordo, nemico della Chiesa e me ne infischio di Pietro Murru e mi mangio le ciliegie.]

Pedru Murru e su sturru

Du su su strru, nemgu de sa Krsia, mi'n d'infiskiu de Pdru Mrru

e mi pppu sa xerescia

Questa sorta di filastrocca riflette la situazione della societ sarda divisa tra grandi proprietari terrieri, clero e contadini meno abbienti o poveri, privi di mezzi di sussistenza.

Qui un povero, in modo ironico accampa il suo diritto a "prendere" ci che gli serve per sopravvivere da chi possiede di pi.