POESIE

Ho scelto queste poesie perché l'autore, che è un friulano, descrive in maniera molto sentita la nostra Carnia e in particolare il bosco. Inoltre penso che il linguaggio della poesia lasci grande libertà di interpretazione a chi legge e con poche parole il poeta riesce ad esprimere tutto quello che non riuscirebbe a dire in un tema intero.

Enrico Giavon

CJARGNE

O vin puartât cun nô
il to mût di fevelâ,
di pensâ, di lavorâ
e il to cjant, Mari Cjargne,
tiere adorade, siore di sudôr,
di fadies e di amôr!
E di cajû, o saludìn
i nestris muarts, i nestris vîvs
lis tôs monts, i tiei paîs.

(Giacomo Fabiani)
 
CARNIA

Abbiamo portato con noi
la tua parlata,
il tuo modo di pensare, di lavorare
e il tuo canto, Madre Carnia,
terra adorata, ricca di sudore,
di fatica e di amore!
E da quaggiù, salutiamo
i nostri morti, i nostri vivi
i tuoi monti, i tuoi paesi.


 
Federico Casarsa
Federico Casarsa

FUEIS
Verdis
come agns
di zoventt,
o trimavis
di vite,
cuardis di violin,
cjarinadis
da l'ajar
a spass
tal cl turchin.
Morsis
das stelis
d'arint,
us veglave
cun simpatie,
la lune
un ninn sustade
di gjelose
e rais di soreli,
aghe di ploe
il vuestri gust,
tra il cjant
dai ucei
e il lr legri
svol.
Po' une man
di sapient pitr
us vistudis
di colr
e ogni bosc
vil e zardn
une sagre
tirade a fin.
Ce Atom
sflandors!
Ce quadris
a tmpare,
a pastl,
a uli,
a acuarl!
r us i cjatadis
sui marcjapts
suti, scjs,
ingrituldis,
sfruconadis,
da rudis e ps,
su lis stradis.
Ce pene,
ce dolr!
Cjars i miei vilis
ancjem sones
di calr!

(Giacomo Fabiani)
 















































FOGLIE
Verdi
come anni
di giovent
tremavate
di vita
corde di violino
accarezzate
dall'aria
a spasso
per il cielo turchino.
Fidanzate
delle stelle
d'argento
vi vegliava
con simpatia
la luna
un po' immusonita
di gelosia
e raggi di sole
acqua di pioggia
il vostro mangiare
tra il canto
degli uccelli
e il loro allegro
volare.
Poi una mano
di sapiente pittore
vi ha vestite
di colore
e ogni bosco
viale e giardino
una sagra
allestita finemente.
Che Autunno
sfolgorante!
Che quadri
a tempera,
a pastello,
a olio
ad acquarello.
Ieri vi ho trovate
sui marciapiedi
asciutte, rinsecchite,
accartocciate
e sbriciolate
sulle strade
da ruote e da piedi.
Che pena!
che dolore!
Cari i miei vecchi
ancora ansiosi
di calore!


Pagina precedente
Pagina precedente
Torna all'indice del giornalino
Indice Giornalino
Pagina successiva
Pagina successiva